RICONGIUNGIMENTI FAMIGLIARI

Donne in coppia puoi 466295

I nostri esperti hanno risposto a 34 domande su terapia di coppia Il tuo messaggio La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo. La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare. Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso. Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione. Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali. Il testo è troppo corto. Invia Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti Indirizzo email Ho letto e compreso e accetto integralmente le Condizioni di Servizio e la Privacy Policy Presto il consenso al trattamento dei dati personali relativi al mio stato di salute al fine di porre domande ai Professionisti. Scopri di più.

È la situazione in cui si trovano molte coppie italiane in questi giorni di lockdown per il contenimento del Coronavirus. Chi non vive insieme al proprio partner non potrà trascorrere insieme l'altro la noia e le emozioni di questi giorni. Per noi no. Le coppie che già di abituale vivono a distanza non potranno vedersi per un tempo ancora più allungato. È bene che tutti lo capiscano.

Vic 11 mesi fa 2 Dicembre Ciao Ale, la tua analisi è notevole interessante e mi ha fatto considerare. Quel e problematiche relazionali ormai di entrambi è illuminante. In effetti, se la signora per 20 anni ha accettato di non avere più rapporti sessuali con il marito, la sua scelta di continuare a stare insieme lui e appoggiarlo nella terapia appare logica e consequenziale. Probabilmente anche ella soffre di una dipendenza, come dici tu, quella affettiva. E c'è la possibilità che in questo caso ci si trovi di fronte al classico Effetto Macbeth, per cui di faccia ad una situazione svantaggiosa reagiamo, come fece l'omonimo personaggio, contro i nostri stessi interessi, in quanto incapaci di accettare perdite, anche se piccole.