Sfoglia l'archivio Adnkronos

Donna con amica non 207864

Tutte le storie che vi racconto sono vere. C'è una donna di 53 anni. La incontro perché abita vicino a casa mia e spesso scambiamo due parole. Lei mi piace molto. Sento di volerle bene. È bella, ha una testa brillante e un lavoro importante. È sposata, ha due bellissime figlie e un marito attraente. C'è una famiglia credo felice, ma di sicuro c'è una famiglia bella da vedere.

Denudare il mondo con nuovi occhi. Probabilmente avete condiviso una vacanza, un cammino insieme, o semplicemente la routine. Sai cosa potrebbe ordinare da un menu o quello che gli piace degustare. Ma ora, il vostro rapporto è giunto al termine. Si sapeva, probabilmente, che non avrebbe funzionato, ma non fino a questo punto. Che afflizione. Amici, eh? Come uno di colui amici con cui si gioca ai video games o si fa la squadra di fanta calcio?

Da tempo, anche grazie allo stimolo di mia madre, con conoscenti e amiche volevo capire che cosa si poteva fare, a Milano, per migliorare la società. Erano anni difficili: la accesso della politica, le nuove povertà. A dire il vero, non avevamo la percezione che ci saremmo occupate di violenza. La nostra idea era afferrare che cosa succedeva alle donne là fuori, lontane dai nostri circoli. Le associazioni, il grande movimento di volontariato milanese, doveva ancora nascere: eravamo antesignano. E fummo subito spiazzate. Da affinché cosa?