Sexting: 8 regole d'oro da seguire se volete fare sesso : virtuale in quarantena

Incontri erotici 376824

Pinterest Vi piace fare sexting? Secondo un nuovo studio, infatti, coloro che mandando messaggi, fotografie o video sessualmente espliciti con il proprio telefono a un partner, tendono ad avere una personalità ostili e comportamenti antisociali. Un team di ricercatori internazionali ha esaminato i tratti comuni del carattere delle persone a cui piacere mandare messaggi hot, e ha scoperto che coloro che erano fan del sexting e lo facevano con continuità avevano maggiori probabilità di avere due dei tratti che compongono la cosiddetta Dark Triad. Paulhus e Kevin M. Williams nelche si riferisce a un trio specifico di tratti negativi della personalità, generalmente considerati come predittori di psicopatologie e comportamenti antisociali. Stiamo parlando di narcisismo, machiavellismo e psicopatia. Conosciamo tutti abbastanza bene cosa vuol dire narcisismo, di solito lo associamo a coloro che hanno un ego spropositato e una mancanza di empatia.

Il sesso virtuale non ha limiti: improvvisamente i siti a luci rosse, ammiccanti e quasi patinati, le app per organizzare l'incontro di una notte oppure il tradimento ideale, e quelle per mandare sms e video hot affinché fanno fremere anche i più navigati. È tutto a disposizione, per chiunque. Eccitarsi è molto più facile, si è sempre perfetti e pronti, l'orgasmo arriva, da sola o in coppia Ma le sue parole assomigliano a quelle che tanti potrebbero scrivere oppure pronunciare. Perché oggi il piacere 2. Ma per tanti la prova si trasforma nella quotidianità e il denuncia virtuale prende il sopravvento fino a sostituire quello reale. Cosa succede allora? Proviamo a scoprirlo in queste pagine.

Nel suo nuovo studio la ricercatrice della University of Arizona, Morgan Johnstonbaugh, si è posta proprio questa domanda: avvenimento spinge i giovani a inviare messaggi espliciti — e la spiegazione differisce tra uomini e donne? Per pilotare lo studio Johnstonbaugh, dottoranda in sociologia, ha chiesto a più di universitari, da sette atenei, di rispondere a un sondaggio online volto a apprendere il motivo per cui ciascuno di loro ricorre al sexting. La studiosa si è soffermata su due elementi principali: la pressione esterna che spinge a condividere e il desiderio di sentirsi più forti attraverso un annuncio — per farla breve, inviare una foto di nudo serve ad aggiungere la sicurezza di sé. Le donne gay e gli uomini etero vedono il sexting diversamente rispetto alle donne etero. Gli esiti dello studio si sono rivelati leggermente diversi per le donne gay. È la prova affinché, purtroppo, abbiamo ancora tanta strada da fare. Ma si rischia anche di restare esclusi dalle semplici gioie del sexting. Perché gli uomini che inviano foto del proprio pene non si sentono bene con se stessi oppure più legittimati sessualmente, al pari delle donne che inviano le proprie immagini?

Deve esserci consenso reciproco La prima direttiva è quella più basica: deve esserci consenso reciproco. Lo ribadiamo perché non è scontato per niente: molte persone ricevono foto esplicite ben prima di quando avrebbero pensato di riceverne una, a volte anche subito dopo essersi scambiate il numero di telefono sulle app per incontri. Non ci siamo. Ci si arriva assieme al bucato di condivisione. Ognuno ha i propri tempi e vanno rispettati, sia affinché ci si conosca nella vita vera, sia che si stia insieme anche da troppo poco per poter badare di fare la quarantena nella stessa casasia se ci si è incontrati su una App di incontri.