Giancarlo Sacconi

Femmina lussuriosa tutto 590045

Il corpo desiderato articola il desiderio in promessa, dischiudendo quella nudità che è polifonia di linguaggi, incessante passaggio dal linguaggio della visione a quello del tatto, dall' ebbrezza della chiamata all' estasi della partecipazione. E' la lussuria, dove la semantica della luce si confonde con quella della grazia, e dove la nudità nasce senza decisione, come la luce nello sguardo dell' innamorato. E' la rinuncia alla vergogna come ultima autodifesa, perfetto disarmo della consegna di sé, oblio della misura, cedimento della mente che è la roccaforte della ragione, incapace, a differenza di eros, di sfiorare la verità senza possederla. Guardando le cose d' amore ta aphrodisiaPlatone si chiede che cosa con esse l' anima riesce o non riesce a dire. E dove il dire si interrompe e la regola non basta a portare la parola a espressione, si apre lo sfondo buio del presagio e dell' enigma. Dobbiamo allora pensare che la lussuria appartiene all' enigma e l' enigma alla follia? Follia è rottura di regole, perdita del referente, vortice di segni che più non rinviano a un significante in grado di consentirne la lettura e il senso. La natura si congeda come punto di riferimento e la cultura si rivela troppo debole e relativa per sostituire il referente naturale.

Toggle search bar. Home Argomento lussuria. Brama Smoderato appetito carnale [Latino: luxuria]. Caduta capitale che consiste nella brama disordinata del piacere sessuale. Ordina per Giorno inserimento Voti Numero commenti Casuale.

Ambizione violento, abituale e ossessivo, dei piaceri del sesso: essere dominato dalla brama. Nella teologia cattolica, uno dei sette vizi capitali. Eccesso nel modo di vivere, stravizio. Abbandono ai piaceri del sesso; desiderio ossessivo e smodato di soddisfare tali piaceri: essere dominato dalla l.

La radice della parola lussuria coincide insieme quella della parola lusso - affinché indica una esagerazione - e quella della parola lussazione - che significa deformazione o divisione. Appare quindi limpido il significato di lussuria, che designa qualche cosa di esagerato e di parziale. Il lussurioso cioè è portato a concentrarsi solo su alcuni aspetti del partner il corpo o una parte di questo che diventano il polo dell'attrazione erotica; tutto il avanzo è escluso, l'interezza è negata. Il corpo viene oggettivato e la individuo spersonalizzata: le vesti, gli accessori, i gesti, la musica, le luci arrivano ad assumere un'importanza fondamentale poiché devono supplire alla mancanza di un differente tipo di seduzione che scaturisce da un'intesa psicologica e affettiva, oltre affinché fisica. La lussuria è quindi una conseguenza di un certo tipo di paura: la paura del confronto insieme un altro essere umano nel quale è possibile rispecchiarsi. Il lussurioso non si vuole specchiare, non si vuole vedere, non si vuole confrontare.