Hey futuro marito sono una peccatrice e tu?

La santa peccatrice 467616

Se uno serve me, il Padre lo onorerà. Altri dicevano: «Un angelo gli ha parlato». Bocca di troppo da sfamare che ero; per i bambini accuditi, per le pecore custodite, grazie! Grazie, o mio Dio, per il Procuratore, per il Commissario, per i Gendarmi, per le dure parole di Peyremale. Ma per lo schiaffo ricevuto, per le beffe, per gli oltraggi, per coloro che mi hanno presa per pazza, per coloro che mi hanno presa per bugiarda, per coloro che mi hanno presa per interessata. Grazie, grazie, perché se ci fosse stata sulla terra una bambina più stupida di me, avreste scelto quella! Grazie per aver abbeverato di amarezza questo cuore troppo tenero che mi avete dato. Per Madre Giuseppina che mi ha proclamata: Buona a nulla.

Hey, futuro marito, sono una peccatrice, e tu? Un amico mi ha indirizzato questo messaggio mentre ero in allineamento per la confessione, con allegata una fotografia che mi ritraeva in piedi in fila aspettando di entrare nel confessionale. Non ho potuto fare a meno di ridere quando ho autenticazione il testo. È vero, sono una tremenda peccatrice — lo siamo tutti noi. Colpo di scena: essere un buon cristiano è davvero, davvero arduo — soprattutto quando parliamo della castità. Forse ti è stato consigliato in un ritiro o in una insegnamento, hai sentito l'impulso di scrivere finché aspettavi di scoprire chi fosse oppure hai sentito di gente che lo fa ma pensi che sia una cosa strana. Bene, per tutte queste ragioni e per varie altre, la settimana scorsa ho dato un'occhiata a vecchie lettere scritte al mio futuro sposo.