«Io donna sposata mi sono innamorata di un prete. Ho distrutto tutto»

Donna sposata tutto senza 528968

Ora mi trovo, da peccatrice, a fare i conti con quasi tre anni della mia vita buttati via. Ho distrutto tutto: una famiglia, le amicizie più intime, il lavoro. Poi quei mesi di circa tre anni fa, quando non ho avuto la consapevolezza e la capacità di capire che stavo per perdere tutto; il rapporto con il prete della mia parrocchia stava diventando sempre più intimo: coetanei, con lo stesso sguardo di bene verso le cose e le persone e la condivisione di tantissime esperienze in ambito parrocchiale e caritativo. Sono stati tre anni durissimi: mesi intensissimi, quasi di convivenza, che si alternavano a mesi in cui provavamo ad allontanarci, per poi tornare più uniti di prima. Ma nonostante il veloce trasferimento non siamo stati capaci di interrompere la nostra relazione. Non molto tempo fa, in un momento di mia profonda crisi, gli ho chiesto di avere la certezza che stava con me per scelta e non per il godimento di un momento. Intanto il mio matrimonio era scivolato via e il relazionarmi al mio mondo era sempre più compromesso da questa relazione sbagliata. E ho capito che se avessi avuto il coraggio di chiederglielo prima, probabilmente i pezzi rotti della mia vita da raccogliere sarebbero stati di meno.

In alcuni casi invece capita di accendersi e protrarre una relazione con un uomo o con una donna non libera. Ovviamente sono anche tanti i racconti di chi scopre di aver subito un tradimento ma, in attuale articolo, proviamo ad osservare solo un lato della medaglia. Vuole dire sapersi fare da parte in attesa affinché il proprio amato sia disponibile a donarci qualche briciola di attenzione. Addensato gli amanti si ritengono dei privilegiati per essersi incontrati e per poter vivere il loro amore unico e speciale.